ovidio news
La casta perde il pelo ma non il vizio: in piena crisi sociale ed economica Marsilio prova ad aumentare lo stipendio a 53 dirigenti e 9 direttori regionali La casta perde il pelo ma non il vizio: in piena crisi sociale ed economica Marsilio prova ad aumentare lo stipendio a 53 dirigenti e 9 direttori regionali
Comica smentita di Liris dopo l’attacco dell’addetto stampa di Marsilio ai giornalisti che avevano rivelato l’affaire. Quello che lascia impressionati è l’assoluta non chalance... La casta perde il pelo ma non il vizio: in piena crisi sociale ed economica Marsilio prova ad aumentare lo stipendio a 53 dirigenti e 9 direttori regionali

Comica smentita di Liris dopo l’attacco dell’addetto stampa di Marsilio ai giornalisti che avevano rivelato l’affaire.

Quello che lascia impressionati è l’assoluta non chalance con cui un ‘governatore’ di regione può permettersi di prendere in giro un milione di cittadini. se in piena emergenza corona virus, con commercianti e artigiani alla canna del gas, con la cassa integrazione che irrompe pesantemente sulla scena dell’industria, con famiglie intere costrette ai buoni pasto per metter insieme il pranzo con la cena…. in questo scenario da incubo, leggere che Marsilio ha trovato il modo, il tempo e la faccia per aumentare lo stipendio ai suoi funzionari…. lascia, diciamo così, senza parole.

La delibera prevede l’aumento sotto la voce ‘nuove indennità di posizione’ e solo per la levata di scudi delle opposizioni è stata bloccata, non si sa se completamente e per quanto tempo: prevede fra l’altro un provvedimento analogo per nove direttori regionali. L’assessore al Bilancio Guido Liris, ha dichiarato: “Abbiamo rivoluzionato la proposta che ci è stata formulata dalla Conferenza dei direttori (in realtà la delibera era già pronta, n.d.r.) perché sia pure legittima dal punto di vista formale e sostanziale, in questo momento di drammatica emergenza mondiale, abbiamo sentito il dovere di dare dimostrazione di buonsenso e sensibilità verso le famiglie che sono in difficoltà e soffrono, e verso coloro che stanno operando in prima linea contro l’emergenza”. Il premio fedeltà.. è dunque solo rimandato a tempi migliori.

Franco Slegato